Tag:

Civitavecchia: imbarcate 30000 tonnellate di balle Combustibile Solido Secondario destinato al recupero energetico

(FERPRESS) – Civitavecchia, 11 SET – Un successo ed un passo avanti sia per l’economia che per l’ambiente della nostra Regione. Solo così possono essere descritte le operazioni di imbarco svoltesi a Civitavecchia che hanno reso possibile il carico di una nave con 3000 tonnellate circa di balle di CSS (Combustibile Solido Secondario) destinato al recupero energetico, in soli  2 giorni e mezzo di lavoro.

Con il perfezionamento di alcuni passaggi, le operazioni di imbarco dovrebbero in futuro durare solamente 2 giorni.

Il carico appartiene alla Rida Ambiente srl, una delle più grandi, più serie e meglio organizzate società che operano nel settore del riciclaggio di rifiuti da ormai moltissimi anni, e che da sempre è impegnata nella massimizzazione del recupero e nell’industrializzazione di un settore (quello del trattamento rifiuti) che per troppi anni è stato “fermo” alle vecchie logiche.

L’agenzia marittima Panama & Sons, a cui è stata affidata la gestione delle operazioni a Civitavecchia, si è coordinata con l’impresa portuale C.I.L.P per rendere possibile quello che, agli occhi di molti, sembrava irrealizzabile.

C’è stata una fortissima attenzione da parte di tutte le Autorità locali e regionali, tra queste forte la presenza ed il controllo da parte della Capitaneria di Porto che ha presenziato alle operazioni con la massima attenzione.

Si è giunti a questa spedizione di CSS, dopo mesi di preparativi, incontri assidui, confronti, ottimizzazione, un’organizzazione che non ha lasciato nulla al caso, questo ha dato il via a quella che sarà una lunga serie di imbarchi di CSS nel Porto di Civitavecchia da parte della Rida Ambiente srl.

Sono molte le società (e molti i lavoratori) che riceveranno benefici da questo traffico che si spera

possa invertire la marcia ingranata dal porto negli ultimi anni nel settore merceologico.

La Rida Ambiente ha voluto investire su Civitavecchia e sulle sue potenzialità, affidando la

gestione della logistica alla Panama and Sons (storica agenzia marittima del Porto) che,

supportata dall’esperienza decennale e dalla indiscussa professionalità sia dell’impresa C.I.L.P.

che della Compagnia Portuale di Civitavecchia, è riuscita nell’intento di caricare oltre 3000 tonnellate di CSS – circa 140 bilici – in circa 2 giorni e mezzo di lavoro.

Essendo stato il traffico molto controllato da parte di tutte le autorità coinvolte, in primis dalla Capitaneria di Porto e dalla Autorità di Sistema Portuale – che procedono preliminarmente al controllo di tutta la documentazione e, successivamente, all’esecuzione corretta delle operazioni in banchina – si è potuto accertare senza alcun dubbio che questo traffico può essere considerato estremamente pulito.

Il traffico è solo in esportazione. Le balle sono pressate, regettate e rivestite dall’impianto di Produzione della Rida Ambiente con numerosi strati di filmatura che impediscono la dispersione del CSS nell’ambiente; questo combustibile d’eccezione è un’importantissima risorsa per il pianeta, poiché il suo utilizzo sostituisce negli impianti di destinazione il carbon coke (che oltre ad essere una risorsa esauribile, produce emissioni di CO2) e su questa produzione la Rida Ambiente ha investito negli anni ingenti somme per ottimizzare la tecnologia e l’industrializzazione del settore. I camion che portano in banchina le balle percorrono tragitti che escludono totalmente il passaggio in città.

Questo primo imbarco ben riuscito è stata la degna conclusione di una serie di preparativi che duravano da mesi, ma è solo l’inizio di un traffico su cui il Porto di Civitavecchia ha voluto credere e su cui sono riposte enormi aspettative.


Pubblicato da COM il: 11/9/2020 h 09:03   -   Riproduzione riservata 
 

Commenti disabilitati su Civitavecchia: imbarcate 30000 tonnellate di balle Combustibile Solido Secondario destinato al recupero energetico

Commenti disabilitati.