Categoria: DALLE AZIENDE

(FERPRESS) – Pistoia, 6 FEB – “Condividiamo la lettera inviata al presidente Monti, che sabato scorso avevamo sottoscritto con Comune, Provincia e gli altri attori economici del territorio. Tuttavia gli eventi hanno già modificato le carte in tavola, in quanto i vertici di AnsaldoBreda, grazie anche al contributo sindacale, hanno rivisto le proprie posizioni riguardo gli interinali e l’incentrato”.

A parlare è il presidente di Confartigianato Pistoia, Simone Balli, che punta il dito su un “dettaglio” per nulla insignificante. “Nemmeno tanto tra le righe – afferma Balli – i vertici di AnsaldoBreda fanno capire che le assunzioni e il rilancio della struttura dipendono dall’efficientamento interno e dalle commesse dei treni regionali. Quello che suona lugubre, per noi che rappresentiamo le aziende dell’indotto, è che analogo messaggio passò quando si parlava della commessa dell’alta velocità, che doveva essere strategica al rilancio dello stabilimento di via Ciliegiole e del territorio e che invece non ha portato alcun beneficio a Pistoia. Quindi – continua il presidente di Confartigianato Pistoia – , se è vero che il rilancio dell’azienda pistoiese è legato alla realizzazione dei treni regionali, Finmeccanica deve fin da ora dichiarare ufficialmente che a Pistoia si costruiranno questi treni. Ne consegue che allo stabilimento di via Ciliegiole devono essere riallocate le competenze e le professionalità necessarie, dalla progettazione in avanti, che invece in questi ultimi anni sono state trasferite in altre zone”.

Per questo, da Confartigianato metalmeccanica, si chiede che AnsaldoBreda cominci a dialogare anche con i rappresentanti dell’indotto, cui oggi appartiene il patrimonio professionale e qualitativo dismesso da Finmeccanica: “se Finmeccanica non reinveste sulle competenze all’interno dell’opificio di via Ciliegiole, anche il territorio e lo stesso indotto rischiano la sterilizzazione”.


Pubblicato da COM il giorno 6/2/2012 alle ore 12:39   -   Riproduzione riservata 
 

Commenti disabilitati

Comments are closed.